ALL’INDIVIDUO DEVE ESSERE SEMPRE GARANTITA LA POSSIBILITÀ DI SCELTA CONSAPEVOLE.

LA NOSTRA MISSION
Fondato nel 2012 con l’obiettivo di promuove cultura, ricerca, formazione e interventi mirati nel rispetto delle norme deontologiche ed etiche in un’ottica di tutela della salute, del benessere e dell’uomo, il Centro Clinico Spazio IRIS viene infatti pensato come un luogo che possa accogliere i bisogni e le esigenze della comunità attraverso percorsi specialistici e professionali di alto livello, economicamente accessibili, (in breve tempo) e centrati su un rapporto professionista-paziente fondato sull’ascolto e sulla fiducia. Responsabilità sociale, lavoro d’equipe, professionalità, analisi del bisogno e integrazione di più professioni, sono i 5 ingredienti con il quale i soci-fondatori hanno pensato il progetto Spazio IRIS.

IL NOSTRO MODELLO DI LAVORO
Il Centro Clinico Spazio IRIS (Istituto di Ricerca ed Intervento per la Salute) è una struttura polispecialistica sanitaria privata che si fonda sulla necessità di rispondere ai bisogni di prevenzione e cura dell’individuo inteso e riconosciuto nella sua centralità. Per la nostra equipe di lavoro le persone mantengono la loro identità è non sono un numero.

All’interno del Centro Clinico Spazio IRIS si possono trovare PSICOLOGIPSICOTERAPEUTINEUROPSICHIATRI INFANTILIPSICHIATRINEUROLOGILOGOPEDISTINUTRIZIONISTIAVVOCATI.

VELOCITA’

Il tuo primo appuntamento entro 24h dalla tua richiesta

EQUIPE

Un gruppo multidisciplinare di professionisti per soddisfare il paziente in ogni suo bisogno

PROFESSIONALITA’

Tutti i professionisti sono regolarmente iscritti ad un ordine professionale e in continuo aggiornamento formativo

ACCESSIBILITA’
ECONOMICA

Prezzi accessibili e responsabilità sociale aprono a tutti la possibilità di cura

I NOSTRI OBIETTI

  • professionalità per tutti grazie a costi contenuti
  • ridurre i tempi di attesa permettendo alla comunità di affrontare dinamiche di cura nel breve tempo
  • accogliere necessità di ogni genere ed età, dal bambino all’anziano
  • una presa in carico a 360° del bisogno, non solo un momento di ascolto ma un percorso da fare assieme;
  • integrare professionalità sanitaria con strumenti concettuali sempre all’avanguardia;
  • diventare fonte attiva di informazione, perché occuparsi di salute oggi significa soprattutto fare cultura, incidendo su abitudini e stili di vita delle persone